Rumiz, Rosengarten

img_0958

Il 2 gennaio 2009 Paolo Rumiz, inviato di “Repubblica” (nella foto siamo insieme a Bolzano),  ha scritto sul suo giornale un’intera pagina sull’impatto del cambio climatico nelle Alpi, che mette in crisi il monopolio dell’industria dello sci. Ancora più assurdo puntare dunque su nuovi impianti di risalita che compromettono l’ambiente, quando si dovrebbe puntare su un turismo diverso, distribuito sulle quattro stagioni, che faccia leva su natura e cultura e sulle Alpi come rigenerazione del corpo e dell’anima,  fuori dall’urbanizzazione e dal cemento. Importante in questo contesto la citazione che fa Paolo Rumiz del caso Catinaccio-Rosengarten, come uno dei possibili futuri scempi. Serve a tenere desta l’opinione pubblica su un progetto che, stoppato in consiglio provinciale, non è detto che sia uscito di scena definitivamente. Le stesse argomentazioni valgono per il progetto Ried sul Plan De Corones, la nuova pista che, in tempi di riscaldamento del clima, è progettata per scendere fino a 800 metri di quota sull’unico versante ancora libero da impianti sulla montagna più massacrata del Sudtirolo. Pubblico l’articolo qui sotto.  

Centottanta impianti falliti al Nord: colpa della speculazione. Colate di cemento, terreni sbancati, piloni arrugginiti: la mappa dello scempio

COSI’ CHIUDE LA MONTAGNA 

 di PAOLO RUMIZ

Vento che sibila nei corridoi di alberghi chiusi, gelidi come l’Overlook Hotel del film Shining. Seggiolini sballottati dalla tormenta, appesi a funi immobili. Stazioni di funivie piene di immondizie, senz’anima viva intorno. Piloni arrugginiti, ruderi che nessuno rimuove anche nei parchi naturali. Ora i numeri ci sono. Quelli – mai fatti prima – degli impianti ridotti al fallimento dal riscaldamento climatico e dalla speculazione immobiliare. Oltre centottanta nel solo Nord Italia. La metà di quelli -350 – che sono stati chiusi finora. Centottanta vuol dire quattromila tralicci, centinaia di migliaia di metri cubi di cemento, seicentomila metri di fune d’acciaio, cinque milioni di metri di sbancamenti e di foresta pregiata trasformata in boscaglia. Ferri contorti come i ramponi di Achab sulla gobba della balena. 

Per contarli abbiamo assemblato dati da parchi e corpi forestali, attivisti di “Mountain Wilderness” e guide alpine, soci di Legambiente e della “Cipra”, il Centro per la tutela delle Alpi. Dati impressionanti, che sembrano non insegnare nulla a chi in Italia – caso unico in Europa – insiste a sovvenzionare impianti a bassa quota o, peggio ancora, nei parchi nazionali, in barba ai vincoli comunitari. 
Fotogrammi. Saint Grée di Viola, quota 1200, provincia di Cuneo, è un monumento al disastro. Si chiamava Sangrato, ma non era abbastanza trendy per un centro che doveva attirare sciatori da Piemonte e Liguria, e così gli hanno cambiato il nome. Prima ha perso la neve, poi i clienti, infine ha inghiottito soldi pubblici per un rilancio impossibile. Oggi sembra Beirut dopo la guerra, cemento e vetri rotti con la scritta “Vendesi”.

Altri fotogrammi, nel dossier di Francesco Pastorelli, direttore di Cipra Italia. Pian Gelassa in Val Susa: piloni nel vento, scheletri di alberghi nati morti, lì da 30 anni in piena area protetta, a due passi dalle piste olimpiche del Sestrière. Alpe Bianca, nelle Valli di Lanzo: condomini vuoti, stazione della funivia con i cessi rotti e le piastrelle smantellate. E così avanti: Oropa-Monte Mucrone, Albosaggia, Chiesa Valmalenco.

Non è un viaggio: è un percorso di guerra. A Oga presso Bormio la pista – iniziata e mai aperta causa lite tra valligiani – sta franando, e la ferita è tale che la trovi anche “navigando” con Google-Earth (e non è che gli squarci delle piste “mondiali” siano meglio). In Valcanale, sopra Ardesio (Bergamo), un’ex seggiovia è segnata da cemento sospeso sullo strapiombo e una discarica nel parcheggio.

Sella Nevea nelle Alpi Giulie, orgoglio del turismo friulano: le multiproprietà che negli anni Settanta hanno devastato la conca sotto il Montasio sono così a pezzi che sono stati messi all’asta in questi giorni. A Breuil-Cervinia residenze chiuse e impianti di risalita dismessi, otto in tutto, di cui quattro funivie. Posti da dimenticare, anche in anni di nevicate come questo.

Accanto agli scheletri, i morti viventi. Impianti in rosso, a quota troppo bassa per garantire neve, tenuti in vita dalla mano pubblica. Colere, Lizzola, Gromo nelle Orobiche. Oppure Tremalzo, La Polsa, Folgaria e Passo Broccon tra Veneto e Trentino, che inghiottono milioni in generose elargizioni per l’innevamento artificiale. Impianti a rischio, che nessuno fa entrare nella contabilità di un disastro che è anche finanziario. “Perché non si dice che le piste non si pagano solo con lo skipass ma anche con le nostre tasse?”, s’arrabbia l’esploratore bergamasco Davide Sapienza.

Numeri insospettabili. Quaranta funivie e seggiovie abbandonate in Piemonte, trentanove in Val d’Aosta (un’enormità per una regione di centomila abitanti), almeno venti in Lombardia, trenta tra Emilia e Liguria sul lato appenninico, trentacinque in Veneto e venticinque in Friuli-Venezia Giulia. E non mettiamo in conto gli sfasciumi lasciati dallo sci estivo, chiuso per fallimento in mezze Alpi.

Ma non c’è solo il clima nel crack. C’è anche la speculazione. La seggiovia è solo lo specchietto per le allodole per sdoganare seconde case e villini. “Meccanismo semplice”, sottolinea Luigi Casanova di Mountain Wilderness. “Si compra il terreno a basso costo, si cambia il piano regolatore, poi si fa la seggiovia e si costruiscono case al quintuplo del valore”. Se il gioco è spinto, la seggiovia chiude appena esaurita la sua funzione moltiplicatrice del valore immobiliare.

Uno crede: errori non ripetibili. Invece no: si continua sulla vecchia strada, come per l’Alitalia. Miliioni di milioni di euro al vento. Come quelli che serviranno per il collegamento – approvato il 31 dicembre (!) dalla provincia di Trento – fra San Martino e Passo Rolle nel parco di Paneveggio, dove Stradivari prese il legno dei suoi violini. O per il terrificante “demanio sciabile” da 200 milioni di euro dalla Val Seriana alla Valle di Scalve (Bergamo) pronto al varo nel parco delle Orobie, contro cui s’è levata la protesta di molti “lumbard”. Disastri annunciati, come il maxi-progetto sul Catinaccio-Rosengarten, che sfonda un’area che è patrimonio Unesco.

Cambiano i luoghi, ma il trucco è lo stesso. C’è un pool che compra terreni, fonda una società e lancia un progetto sciistico, con un bel nome inventato da una società d’immagine. L’idea è nobile: “rilanciare zone depresse”, così chi fa obiezioni è bollato come nemico del progresso. A quel punto la mano pubblica entra nella gestione-impianti e finisce per controllare se stessa. Così il gioco è fatto. Il sindaco promette occupazione e viene rieletto: intanto parte l’assalto alla montagna. Per indovinare il seguito basta leggere la storia dei ruderi nel vento.

“Questi mostri di ferro e cemento che nessuno smantella rientrano in un discorso più vasto” spiega il geografo Franco Michieli additando lo stato pietoso dell’arredo urbano a Santa Caterina Valfurva, Sondrio. “Il legame con la terra è saltato, i montanari ormai ignorano il brutto. Piloni, immondizie, terrapieni, sbancamenti: tutto invisibile. Si cerca di riprodurre il parco-giochi, e così si svende il valore più grosso: l’incanto dei luoghi”.

E intanto il conflitto tra ambiente e ski-business aumenta in modo drammatico. Servono piste sempre più lisce e veloci, così si lavora a colossali sbancamenti e si prosciugano interi fiumi per l’innevamento artificiale. E c’è di peggio: la monocultura dello sci finisce per “cannibalizzare” tutte le altre opzioni (albergo diffuso, mobilità alternativa ecc.) perché distrugge i luoghi. Vedi Recoaro, dove le gloriose terme sono in agonia, ma si finanzia un impianto a quota mille, dove nevica un anno su cinque.

Per addolcire gli ambientalisti si inventano termini nuovi, come “neve programmata” o “eco-neve”, ma il risultato non cambia. Damiano Di Simine, leader lombardo di Legambiente: “In Valcamonica un contributo regionale di cinquanta milioni è stato utilizzato per costruire piste nel parco dell’Adamello, e il risultato lo si vede su Google-Maps. Squarci terrificanti”. Stessa cosa sul Monte Canin nelle Giulie: cicatrici da paura.

Ruggisce Fausto De Stefani, scalatore dei quattordici Ottomila e leader carismatico di Mountain Wilderness: “Uno: tutti gli impianti sono in passivo. Due: il clima è cambiato. Tre: gli italiani sono più poveri. Basta o non basta a dire che un modello di sviluppo va ridisegnato? E invece no, siamo furbi noi italiani. Continuiamo a vivere come progresso un fallimento che ha i suoi monumenti arrugginiti in tutto il Paese”.

A Novezzina sulle pendici del Baldo – il colosso inzuccherato tra Val d’Adige e Garda – De Stefani indica i resti di un impianto per neve artificiale mai entrato in funzione. “È stato smantellato, ma la ferita è rimasta, sembra una lebbra. Roba che per rimarginarsi impiegherà secoli. Con i soldi di quell’impianto fallito si potevano ripristinare malghe, sentieri, terreni; si valorizzavano i prodotti locali. È o non è una truffa? Un’orda distrugge l’Italia e la gente tace, nessuno s’indigna. È questo che mi fa uscir di testa”.

Annunci

5 pensieri riguardo “Rumiz, Rosengarten

  1. E’ tutto vero, per non dire che ormai le piste da sci sono diventate dei circhi e delle giostre…….. pensare che solo vent’anni fa io facevo centinaia di km per andare a sciare…per non dire quanta gente ci ho entusiasticamente portato ….ora …ogni tanto ci casco…ma subito mi pento nel vedere come le montagne siano state deturpate moltiplicando stolidamente gli impianti e come la cafonaggine sia imperante…anche la gemutlicheit tipica tirolese è molto scemata….le orde barbariche stanno devastando tutto..e io parlo per il nord tirolo che sciisticamente conosco e amo più del sud tirolo.
    Ora mi sto convertendo…..e rimpiango sempre meno l’ebbrezza del “peccato” sugli sci da discesa…… forse è come per il fumo… faceva tendenza e bisognava comunque fumare, mentre oggi quando vediamo un fumatore siamo mossi a compatimento, come per un povero minorato.
    Ma non hanno debolezze nè entusiasmo nè cuore coloro che ora sfruttano le illusioni dei concittadini per rovinare l’ambiente; dobbiamo riscoprire tutti a qualsiasi età il giusto rapporto con l’ambiente che ci circonda… per i più giovani allora sarà facile evitare di fare i nostri stessi errori….e noi non porteremo più nessuno a sciare nei circhi, piccoli o grandi che siano…

  2. Paolo Rumiz ha descritto una situazione, che in Sudtirolo viene ignorata completamente. L´unica cosa che conta é costruire piste ed impianti per le zone piú belle del nostro paese. Se c´é qualcuno che critica questo tipo di sviluppo e distruzione dell’ ambiente, si sentono subito voci essistenzialisti: se non facciamo questa pista e quella seggiovia perdiamo l´aggancio a questo e quell´altro impianto sciistico e si verso la rovina.
    In un punto devo anche dare ragione a tutti questi pionieri sciistici: se andiamo avanti cosí, finiamo veramente nella rovina.
    Gli impianti sono una cosa importante, ma non deve diventare una cosa sempre piú grande e sempre piú da espandere. Il meno puó essere qualcosa di piú valorizzabile. Pongo due domande: che cosa volgiamo trasmettere al turista che viene a trascorrere le sue vacanze: montagne di cemento o un pó di natura intatta? É veramente l´unico criterio la lunghezza delle piste e il numero di impianti che fanno scegliere il posto di turismo o é il ritrovare un pó di quiete e purezza di una vita alpina semplice?

    Magari ho con i miei 25 anni giá pensieri antiquati e che non capisce niente come si deve girare un mondo capitalista. Peró mi sento anche fortunato e triste se vedo come stanno andando le cose.

  3. I Verdi da 20 anni ripetono che lungo l’arco alpino non saremo più in grado di sciare. Se avessimo iniziato a scavare le fosse per sepellire i comprensori sciistici 20 anni fa, saremmo già arrivati al centro del pianeta.

    Cari Verdi, se ci tenete a raccontare cretinate e a fare paura alla gente, almeno cercate di inventarvi qualcosa di nuovo, ognitanto.

    Siete un partito che non solo perde voti ad ogni elezione e che non è neanche piú presente in Palamento, ma state pure perdendo completamente quel minimo di credibilità che Vi è rimasto.

  4. Caro Paul, io non ho mai votato”verde”, ti dico che da quando voto – 40 anni – ho votato solo un paio di volte, quando pensavo che occorreva schierarsi per una delle 2 parti; ora non più perchè ho capito che sono uguali (la destra e la sinistra, tengono solo alle sedie e al potere, e faranno finire molto male e purtroppo molto presto il bel paese)………..ma accidenti sono anche 30 anni che scio e vedo sempre più cose devastanti e peregrine sui ghiacciai oltrechè sui nostri monti ………….i verdi qui hanno ragione, se è per questo allora anch’io sono un verde……….(ma non starei mai con Pecoraro Scanio)………..
    Ha ragione Hannes, che si pone il problema: cosa vogliamo trasmettere al turista…..amare la montagna non vuol dire caricarlo di shopping e mandarlo in giostra, anche se purtroppo il livello culturale dell’italiano medio è in caduta libera e quindi le esigenze sono sempre più ridotte…ma dobbiamo proprio per questo cercare di migliorare l’educazione di chi va per monti, tanto chi opera nel settore che chi semplicemente ama la montagna e desidera condividere ed espandere la passione e il rispetto per l’ambiente…anzichè nuovi impianti facciamo manutenzione seria ai sentieri, rendendoli più agevoli anche per chi non è alpinista (andiamo a vedere come fanno in nordtirolo…prendiamo ad esempio Vent/Hochgurgl di là del Brennero e Hochfeiler-Gran Pilastro/Pfitschtal di qua….una distanza abissale tra sentieri ben tenuti e sicuri di là e sentieri pericolosi e mal tenuti di quà…) c’è sì tanto da fare, ma non nuovi impianti, non altre giostre…..

  5. @paul

    na und? was reden uns denn die konservativen parteien seit jahrhunderten ein: dass es mit ihrer methode dem menschen besser geht! und dabei HABEN wir heute die schlechte luft, dabei HABEN wir kriege, durch bush und Co., dabei HABEN wir in italien nur autotransporte und null auf der eisenbahn.

    ich denke, alle negativen szenarien, die die grünen menschen je profezeiht haben, sind eingetreten.

    interessant ist, dass daraus kaum umlenkende konsequenzen gezogen werden und – wie paul zu recht sagt – die grünen stimmen verlieren.

    offensichtlich entscheidet der mensch immer kurzfristiger und nach immer kurzfristigen argumenten, wem er seine wahlstimme gibt.

    ob das objektiv, also im sinne des weiterlebens der menschheit klug ist, steht auf einem anderen blatt.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...