Tagli alla casta: vittoria!

stupore

Racconto quanto accaduto oggi in Consiglio provinciale pubblicando il comunicato che ho appena mandato ai giornali (in coda riassunto in tedesco e documentazione bilingue).

COSTI DELLA POLITICA: GLI ALTRI PARLANO, NOI AGIAMO!

Storico avvenimento: La prima commissione legislativa del Consiglio provinciale approva la legge dei Verdi che vieta il cumulo tra pensione da ex consigliere, ex parlamentare italiano ed europeo e altri redditi derivanti da nomine politiche (addio doppio stipendio a Hosp e altre decine di ex consiglieri e parlamentari sistemati in Cda e altro!).

Vietati anche  gli incarichi di consulenza (povero avvocato Ritz e altre decine di avvocati, architetti, esperti vari!).

Eliminato un assurdo privilegio.

Dopo tante chiacchiere, è il primo passo concreto per tagliare i privilegi e restituire credibilità alla politica.

Per la prima volta in 60 anni di storia del consiglio provinciale passa una legge dell’opposizione.

 

La prima commissione legislativa del Consiglio provinciale ha oggi approvato la proposta di legge n. 4/08: “Riforma della L.P. 16 novembre 2007, nr. 12 Divieto di cumulo di redditi derivanti da incarichi di nomina politica”, proposta dal gruppo verde in consiglio provinciale e presentata in commissione dal primo firmatario, il consigliere Riccardo Dello Sbarba.

Dopo tante promesse, è questo il primo passo concreto sulla strada della moralizzazione della politica e l’eliminazione di ingiustificati privilegi.

La commissione ha approvato la legge con 7 voti favorevoli e due sole astensioni (Pardeller e Stirner Brantsch).

La commissione ha anche respinto un emendamento (presentato da Pichler Rolle, Schüler, Pardeller e Stirner Brantsch) volto a modificare l’articolo 2 (eliminava il punto 3. riportato qui sotto), che è dunque stato approvato nella sua versione originale grazie ai voti delle opposizioni e del presidente di commissione Noggler.

 La legge approvata prevede che:

  • 1. chi percepisce già una pensione da ex consigliere/a provinciale, o regionale, o del parlamento nazionale o europeo, se nominato dal Consiglio provinciale in Cda o altro, non percepisca per questi incarichi alcun ulteriore compenso né indennità di risultato.
  • 2. ai titolari di vitalizi delle istituzioni sopra menzionate non possono essere conferite consulenze retribuite dal Consiglio o dalla Giunta provinciale.
  • 3. Che gli ex eletti nelle istituzioni di cui sopra non possano assumere nel quinquennio successivo al termine del loro mandato politico alcun incarico per conto della Provincia.

 Il primo passo fatto con questa legge consente di restituire alle istituzioni la loro credibilità agli occhi dei cittadini.

Qui trovi la legge la relazione accompagnatoria.

Kosten der Politik: Während andere reden, handeln die Grünen

I. Gesetzgebungskommission heißt den Gesetzentwurf der Grünen gut

 Der von den Grünen Landtagsabgeordneten eingebrachte Landesgesetzentwurf Nr. 4/08 „Verbot der Häufung von Einkünften aus politischen Ämtern” wurde von der I. Gesetzgebungskommission genehmigt. Mit diesem Gesetzesvorschlag kommt nun auch in der Provinz Bozen die Bestimmung zur Anwendung, welche die Möglichkeit ausschaltet, mehrere Einkünfte aus politischen Ämtern (Leibrente eingeschlossen) zu beziehen, was dazu beitragen soll, dass absurde Privilegien für Politiker abgeschafft werden und die Glaubwürdigkeit der Institutionen in den Augen der Bürger wieder hergestellt wird.

 Nach den vielen Versprechungen, ist diese Annahme der erste konkrete Schritt, die Kosten der Politik zu senken. Es ist das erste Mal in der Geschichte, dass ein Gesetzentwurf der Opposition angenommen wurde.

 Die Kommission hat den Gesetzentwurf der Grünen mit sieben Ja-Stimmen und nur zwei Enthaltungen (Pardeller und Stirner Bransch) genehmigt.

Die Gesetzgebungskommission hat einen Änderungsantrag zu Artikel 2 des Gesetzentwurfes – eingebracht von Pichler Rolle, Schuler, Pardeller und Stirner Brantsch  – abgelehnt, womit der ursprüngliche Text des Artikels beibehalten werden konnte (die Opposition und der Präsident der Gesetzgebungskommission Noggler stimmten gegen den Änderungsantrag).

 Die Grünen Landtagsabgeordneten hoffen nun, dass der Gesetzentwurf auch im Plenum des Landtages eine Mehrheit findet.

Annunci

3 pensieri riguardo “Tagli alla casta: vittoria!

  1. Speriamo che la SVP si renda conto che “deve” preferire l’aiuto dei verdi, movimento di stimolo e di positività per tutta la società altoatesina, ed anche per la propria necessaria ed urgente rigenerazione, altrimenti si farà sempre più imporre pericolosi condizionamenti dai Freiheilichen.

  2. Non occorre essere dei geni della politica per capire che l’elettorato gradua il suo consenso sulla base di iniziative come questa. Per la crisi economica in atto ci saranno dei sacrifici da fare ed è quindi sacrosanto che a cambiare registro siano soprattutto quelli in “cabina di regia” con i loro vergognosi compensi.
    Davvero un segnale forte che rende credibili i Verdi e può raggiungere l’obiettivo di far tornare alla politica i molti che si erano allontanati. Ora si tratta di agire e costruire dei meccanismi che ridimensionino tutti privilegi riparametrandoli e mettendoli in linea con le retribuzioni di chi lavora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...