Apartheid sul treno

STORIE DI QUOTIDIANA XENOFOBIA. EGNA, SUDTIROLO: UN PACHISTANO GETTATO GIU’ DAL TRENO DA UN CONTROLLORE APPLAUDITO DA ALTRI VIAGGIATORI. IN UNA NOSTRA INTERROGAZIONE IN CONSIGLIO LA DENUNCIA DEI FATTI E LE PROPOSTE: ACCERTARE LA VERITA’, PUNIRE IL RAZZISMO, INSERIRE UN CODICE ANTI-DISCRIMINAZIONE NEL CONTRATTO DI SERVIZIO TRA PROVINCIA E TRENITALIA.

Leggi di seguito i fatti e le nostre proposte.

Interrogazione

Egna, atti di discriminazione sul treno.

Servono norme anti-discriminazione nel contratto di servizio Provincia-Trenitalia.

Sulla edizione del giornale “Alto Adige” del 29 novembre si è potuta leggere la seguente cronaca, che per la sua gravità riportiamo per intero:

“EGNA. Gli ha urlato di scendere immediatamente dal treno, poi gli ha gettato i documenti dal finestrino e, quando il passeggero è sceso per raccoglierli, il controllore ha chiuso le porte e fatto ripartire il convoglio lasciando l’uomo a terra. È accaduto a Egna quando il treno s’è fermato in stazione.
L’episodio è accaduto venerdì della scorsa settimana verso l’ora di pranzo. Il treno è il regionale 10920. Una coppia giovane, di origini pakistane, sale sul treno regionale che da Trento porta a Bolzano. Passa il controllore – probabilmente veneto – e chiede il biglietto alla coppia straniera, che ne è sprovvista. Il controllore inizia ad alzare la voce e richiede più volte il biglietto ai passeggeri. Ai due stranieri viene quindi ordinato di scendere quando il treno è all’altezza della stazione di Egna. Vedendo che la coppia non ne vuole sapere, il controllore chiede i rispettivi documenti. Mosso da un gesto di stizza, li lancia poi all’esterno del vagone attraverso il finestrino. I documenti terminano sulla panchina lungo il binario. Il passeggero scende di corsa per riprendere i propri effetti personali. Nemmeno il tempo di raccogliere i documenti che il controllore ordina di chiudere le porte e far ripartire il treno, lasciando l’uomo a terra e la moglie sola sul treno. La donna scoppia a piangere.
A questo punto il controllore ritorna orgoglioso nello scompartimento a prendersi gli applausi di alcuni passeggeri. Ma non tutti sono d’accordo e chiedono spiegazioni al controllore che replica: «Ne vedo ogni giorno di questi episodi, spesso gli stranieri sono senza biglietto e con loro bisogna usare questi metodi per fargli imparare la lezione. Devono rispettare le nostre regole».
Ma altri passeggeri hanno ritenuto l’accaduto umiliante ed eccessivo: «Non sarebbe successo se il passeggero fosse stato italiano».

La gravità dell’episodio, se esso dovesse essere confermato, è evidente. Se infatti ciò che riporta il giornale fosse davvero accaduto (e non c’è stata smentita nei giorni successivi), si sarebbe trattato di un atto di discriminazione per motivi razziali bandito dalla nostra Costituzione e punito dal nostro codice penale, senza escludere la possibilità del reato di abuso in atti d’ufficio, visto che il controllore é pubblico ufficiale. Il minimo che si dovrebbe chiedere alle ferrovie è comunque un severo provvedimento disciplinare, poiché il controllore non ha attivato verso le persone trovate senza biglietto la prevista procedura, che contempla l’obbligo del pagamento sul treno di un biglietto maggiorato e, in caso di rifiuto, l’intervento della polizia ferrovieria alla stazione successiva. Niente può invece giustificare un atto così grave di intolleranza e discriminazione, tanto più in mezzo a una carrozza ferroviaria di un treno regionale.
La verifica sulla veridicità di tale episodio e poi abbastanza semplice, visto che l’articolo riporta anche il numero del treno in questione, il regionale 10920, e la data. Accertare la verità è dunque impresa non difficile.
La Provincia ha con Trenitalia un contratto di servizio che riguarda proprio i treni regionali, su cui si può viaggiare con biglietti emessi in loco e integrati con la rete di trasporto pubblico locale grazie a tale accordo. La Provincia dunque non può ignorare ciò che avviene sui treni, di cui condivide una qualche responsabilità.

Si chiede alla giunta provinciale:

1. Come si è attivata la Giunta provinciale per accertare la veridicità dell’episodio citato dal giornale?
2. Se non si è ancora attivata, intende farlo chiedendo a Trenitalia e/o alla polizia ferroviaria di fare piena luce sull’episodio e prendere tutti i provvedimenti previsti dal codice penale e dalle norme interne alle ferrovie per sanzionare severamente un episodio che, se confermato, equivarrebbe a un gravissimo atto di discriminazione per motivi razziali?
3. Intende la Provincia autonoma, se si dovesse arrivare a un procedimento giudiziario, costituirsi parte civile in quanto – se l’episodio è vero e la magistratura dovesse attivare un procedimento – è stata lesa la pacifica convivenza, fondamento della nostra autonomia e principale bene da difendere anche per l’Ente-Provincia?
4. Intende la Provincia, alla luce di questo episodio, ricercare un’intesa con Trenitalia per inserire clausole anti-discriminazione (di qualsiasi discriminazione si tratti) all’interno del contratto di servizio, come parte integrante ed essenziale della qualità del servizio ferroviario che Treitalia deve garantire ai suoi/sue passeggeri/e e che la Provincia deve richiedere e tutelare?

Consiglieri provinciali
Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Bolzano, 30 novembre 2009

Annunci

4 thoughts on “Apartheid sul treno

  1. Esiste un regolamento che molti ferrovieri trascurano anche perché l’azienda Trenitalia lo ha snaturato. Attraverso le ammende il personale più è repressivo e più guadagna. La % di guadano sulle multe è molto elevata. Questi comportamenti sono legati all’impunità e quindi a dei capi complici che sono solo capaci di istruire uomini bassi disposti per denaro a trasformarsi in cacciatori di altri uomini.

  2. Ok allora da domani tutti a fare i “portoghesi” sui treni…
    Se uno non paga, italiano o straniero che sia è giusto che rimanga a piedi.
    E di episodi dove il protagonista era italianissimo ce ne sono a bizzeffe, solo che sul giornale non li pubblicano…

  3. Situazione molto triste…Purtroppo non c’è via di mezzo.
    Quando ero adolescente molti ragazzi o adulti venivano fatti scendere dal treno se sprovvisti di biglietto,ma nessuno mai si è rifiutato di scendere.

    Non approvo il gesto di questo controllore ma, da tre mesi a questa parte, sui treni in Liguria che prendo spesso mi capita di assistere a episodi contrari: il controllore passa indifferente e, se c’è qualche straniero nel vagone, non chiede i biglietti.Oppure, passa e chiede solo agli italiani i biglietti. O ancor peggio, chiede agli italiani i biglietti e agli stranieri, ipocritamente senza riscontrare se sia vero o meno chiede: “Abbonato vero?” e passa oltre!

    questi comportamenti non fanno che aumentare la confusione e la rabbia. Chi è razzista non cambierà mai il suo modo di pensare a priori…e chi non lo è comincia a chiedersi “perchè diavolo io devo pagare e alcuni di loro no?” sono convinta che molti degli stranieri che incontro sul treno abbiano il biglietto. Non è la razza che fa l’uomo ladro…ma l’occasione si! se io fossi straniera e stessi bene economicamente continuerei a pagare il biglietto(ho una certa moralità)…se, come sono, fossi un pò in crisi, in cassa integrazione, straniera e quindi giustificata da alcuni controllori a non pagare il biglietto, non lo pagherei!

    Purtroppo, o per fortuna, a seconda dei casi, sono italiana. Probabilmente continueranno in Liguia a controllarmi il biglietto lasciando agli stranieri la scelta se pagarlo o meno, visto che non sono controllati.
    Questo non deve assolutamente lasciare che altri controllori facciano l’esatto contrario e ancor peggio!!!

    A furia di vedere gli episodi di ingiustizia nella mia regione però spero che la mia moralità rimanga forte per non trovarmi un domani ad applaudire un controllore razzista che commette un ingiustizia di molto più grande rispetto a quella che subisco io oggi.

    Se tutti, stranieri e non, venissimo trattati nello stesso modo e venissimo istruiti fin da piccoli a rispettare le regole e soprattutto gli altri! ci sarebbero meno “cretini” che pagano e “furbi” che non lo fanno (siano essi stranieri o italiani) e molti meno episodi di razzismo e ingiustizia morale e umana!!!

    Non ho mai pansato al pagamento del biglietto un dovere di razza…da tre mesi a questa parte mi sento discriminata!

    Questo, ripeto, NON DEVE GIUSTIFICARE ASSOLUTAMENTE il comportamento di quest’altro controllore di Bolzano!

    I comportamenti visti da me in Liguria però non faranno altro che aumentare discorsi di tipo razziale sul pagamento o meno del biglietto…e temo che su 100 non razzisti che vedono episodi del genere ci siano almeno il 50% di futuri razzisti…é una cosa terribile!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...