Il ritorno della “casta”

Politici in pensione sistemati nei consigli di amministrazione: una norma “nascosta” dalla Giunta provinciale nell’articolo 9 della prossima legge Omnibus (DLP nr. 66/2010) ripristina quei privilegi che solo un anno fa il Consiglio provinciale aveva cancellato grazie a una legge dei Verdi.

La legge, presentata nel novembre 2008 dal Gruppo Verde col titolo: „Divieto di cumulo di redditi derivanti da incarichi di nomina politica”, fu approvata a stragrande maggioranza (28 sì, 2 no e una scheda bianca) dal Consiglio provinciale nel novembre 2009, meno di un anno fa.  Tale legge riformava la legge provinciale 16. Novembre 2007 Nr. 12 „Servizi pubblici locali” e in due semplici articoli, regolava le nomine nei consigli di amministrazione di società di capitale partecipate da Provincia e Comuni. La legge stabiliva che:

  • Ex politici che percepiscono una pensione derivante dall’appartenenza a un consiglio provinciale, o regionale, al parlamento nazionale o europeo, non avrebbero più potuto ricevere  alcun compenso se fossero stati nominati membri di tali consigli di amministrazione.
  • Queste persone sarebbero state anche escluse dagli eventuali premi di risultato.
  • Questi politici in pensione non avrebbero potuto neppure più ricevere incarichi di consulenza retribuiti dal Consiglio o dalla Giunta provinciale.
  • Infine, con un emendamento presentato dai colleghi della Svp Schuler e Noggler, fu previsto anche un limite al cumulo di incarichi: una stessa persona non avrebbe potuto più sedere in più di tre CdA e organi di controllo.

Tali norme si basavano sul ragionevole principio per cui una persona che già riceve una ben nutrita pensione derivante da anni di carriera parlamentare ancor meglio retribuita, può mettere la propria esperienza e il proprio sapere al servizio delle pubbliche istituzioni senza ricevere ulteriori introiti da incarichi che comunque gli provengono ancora una volta dalla politica.

Una analoga norma era già stata approvata dal Consiglio Regionale nel 2008, per quanto riguarda le nomine fatte dalla Regione. Anche per questo nessuno ebbe il coraggio di opporsi – nonostante malumori e mugugni di più di un esponente Svp – quando noi Verdi proponemmo di recepire tali regole anche in Provincia di Bolzano.

Ma non è passato neppure un anno dall’approvazione ed ecco la sorpresa: la Giunta Provinciale nascondendosi dietro all’ennesimo minestrone di una legge Omnibus si propone di cancellare tali norme e restituire ai politici pensionati (e soprattutto pensionandi) i loro privilegi. Evidentemente, la Giunta provinciale prepara una lauta “buonuscita” in vista di prossime elezioni anticipate (per quanto riguarda i parlamentari nazionali) e delle elezioni del 2013 (per quanto riguarda consiglieri e assessori che usciranno), tanto da “nascondere” nell’articolo 9 dell’Omnibus questa scandalosa operazione: così i politici che usciranno da parlamento e Consiglio provinciale percepiranno la loro ricca pensione potendo cumularla con i lauti compensi dei posti dei Consigli di amministrazione. In più, ciascuno potrà collezionare tanti posti quanti vorrà, senza più alcuna limitazione.

Ma la Giunta non ha fatto i conti con il rifiuto dei cittadini e delle cittadine verso i privilegi dei politici, che fanno a pugni con le difficoltà economiche che migliaia di cittadine e cittadini attraversano anche nella nostra Provincia soprattutto in questa fase di crisi.

La rabbia dei cittadini è talmente grande che non dovrebbe essere difficile dare battaglia in Commissione e in Consiglio contro queste norme.

Noi Verdi ci batteremo con tutte le loro forze per cancellarle.

Annunci

One thought on “Il ritorno della “casta”

  1. REGALI ALLA CASTA – Avete letto i giornali? Dopo la nostra denuncia, ora tutti fanno marcia indietro. “Non era voluto – dichiara Durnwalder – non sappiamo come sia entrato nella legge!”. Come se gli articoli camminassero da soli. Comunque, in calce alla legge sta scritto: “Presentata dalla Giunta provinciale il 22/6/20…10 su proposta del Presidente della Provincia dott. Luis Durnwalder”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...