Energia: come la Provincia, in segreto, regala milioni a Sel e Enel

Cardano negli anni '30

Mentre si avvicina in Consiglio provinciale il voto sulla famigerata “norma salva SEL”, noi Verdi abbiamo scoperto un nuovo sostanzioso regalo che la Giunta provinciale ha fatto a SEL e ENEL. Un regalo che equivale a diversi milioni di euro all’anno di mancate entrate nel bilancio provinciale, deciso (e questo è il colmo) non con legge e nemmeno con delibera di giunta, ma fissato semplicemente nel verbale della seduta della Giunta provinciale del 25 gennaio 2010. Un appunto che è stato tenuto segreto finora e che noi, avendolo scoperto, ci siamo fatti consegnare (vedi sotto).

Per riassumere: secondo l’articolo 25, comma 1 del regio decreto 1775/1933 la parte più grande degli impianti idroelettrici (gli edifici e tutti gli impianti idraulici, pari a circa l’80% del valore di una centrale) al momento della scadenza della concessione passa gratuitamente alla Provincia. La scelta ovvia è che la Provincia affitti poi tali impianti, indispensabili per la produzione idroelettrica, ai concessionari entranti, incassando così canoni d’affitto pari a diversi milioni di euro all’anno. Ciò è previsto del resto nella legge provinciale 20 luglio 2006, nr. 7, all’art. 19 “Disposizioni in materia di concessioni di grandi derivazioni a scopo idroelettrico”, che prevede che la Provincia fissi “l’ammontare del corrispettivo e le modalità per l’assegnazione o l’utilizzo” delle opere o degli impianti a lei passati in proprietà.

Ma la Giunta provinciale ha scelto la strada opposta: quella di cedere in uso gratuito tutti gli impianti ai concessionari entranti. La decisione riguarda le 14 grandi concessioni ex ENEL, 12 delle quali sono state assegnate com’è noto a SEL, che le farà confluire nella società Hydropower costituita insieme a ENEL.

Insomma, con questo regalo Hydropower (ENEL più SEL) risparmierà un sacco di soldi sottratti al bilancio provinciale, proprio mentre la Giunta piange miseria e annuncia tagli ai sussidi sociali, alla sanità, alla casa, alla scuola, al personale.

C’è da temere che questa „concessione d’uso gratuita“ sia parte dei riservati “accordi parasociali” che hanno portato alla costituzione di Hydropower. Non è spiegabile altrimenti la cocciutaggine con cui la giunta ha voluto imporre questa decisione, già una volta bocciata in Consiglio provinciale.

Infatti la “concessione d’uso gratuita” era già contenuta nell’ottobre 2009 in una legge Omnibus (ancora!) della giunta, ma fu cancellata in Commissione legislativa da un voto congiunto dei Verdi (Dello Sbarba) e dei rappresentanti Svp della Val Venosta (Noggler e Schuler). Dopo questa bocciatura, scopriamo ora che il regalo a Sel ed Enel è stato comunque deciso due mesi dopo dalla giunta provinciale con una semplice nota a verbale che recita;

“In riferimento alle grandi derivazioni a scopo idroelettrico, la Giunta provinciale, su istanza dell’assessore Laimer, stabilisce di cedere gratuitamente ai nuovi concessionari quella parte degli immobili per i quali è previsto il passaggio gratuito alla Provincia alla scadenza delle concessioni ENEL”.

Non risulta che qualche membro di giunta si sia opposto a questo ennesimo regalo a SEL e ENEL ai danni delle finanze pubbliche.

E’ questo l’ennesimo esempio di favoritismo della Giunta provinciale verso uno solo (SEL) dei produttori di energia e di concorrenza sleale verso le aziende elettriche dei comuni (come AE) e delle valli (come il consorzio venostano).

La Provincia, che dovrebbe fare da arbitro, favorisce la propria squadra con finanziamenti e leggi ad hoc.

Chiediamo a tutti i partiti, e in particolare al PD, di non collaborare a questa guerra contro le società comunali e di valle. Auspichiamo che si arrivi a un accordo giusto tra AE e SEL, ma finché esso non sarà raggiunto, faremo di tutto perché la Provincia non alteri ulteriormente le regole del gioco – con le norme della Omnibus e della finanziaria – a favore della SEL e contro AE. E chiediamo in particolare al PD di fare con noi questa battaglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...